— Maurizio Marrone

PDL

GIUNTA-OMBRA DEL CENTRODESTRA: RIPORTIAMO LE NOSTRE IDEE E PROGRAMMI AL CENTRO DELL’AGENDA POLITICA DELLA CITTA’ DI TORINO, PRONTI A SMASCHERARE QUALSIASI COMPROMESSO TRA M5S E SISTEMA TORINO.

<<Una Giunta comunale ombra per incalzare la nuova amministrazione comunale grillina: così un centrodestra uscito sconfitto dalle elezioni amministrative per le divisioni interne torna ad essere protagonista della politica torinese>> annuncia Maurizio Marrone, che si presenta Sindaco ombra con una squadra di Assessori ombra provenienti da diversi partiti del centrodestra o da diversi ambiti professionali per competenza assessorile.

<<Nella nostra squadra ci sono esponenti delle diverse anime del centrodestra così come persone della società civile che si sono distinte nella rappresentanza delle forze dell’ordine, nella difesa della famiglia naturale e della istruzione paritaria, nella tutela del commercio di prossimità, nella battaglia contro la lottizzazione politica della cultura, nella promozione di un sistema urbanistico di sviluppo infrastrutturale e lavoro …

Se la nuova Giunta a 5 stelle, come noi prevediamo, non manterrà l’impegno di smantellare il Sistema Torino scendendo invece a compromessi, se tradirà le promesse di riqualificazione e sicurezza nelle periferie, se impedirà le grandi opere strategiche per la Città, se porterà l’ideologia gender nelle scuole, se aumenterà le tasse comunali, se tutelerà i centri sociali antagonisti, se chiuderà il CIE … noi saremo lì, a dare voce alla maggioranza dei torinesi che si sentiranno traditi dalle enormi aspettative di cambiamento e di rinnovamento di Torino, sollevate dalla sconfitta del centrosinistra a Torino.

Come prima iniziativa da Sindaco ombra ho presentato una istanza formale e protocollata al Sindaco Appendino, già consegnata materialmente nelle sue mani, per esigere un suo atto di revoca della nomina di Profumo nel Consiglio della Compagnia di San Paolo, da cui dipende la sua elezione a presidente della fondazione bancaria, così come di tutte le nomine firmate da Fassino nel semestre pre-elettorale: il Sistema Torino non si smantella a parole, bensì con atti amministrativi coraggiosi coerenti con le promesse elettorali. Siamo pronti a smascherare qualsiasi continuità di scelte politiche dei grillini con il centrosinistra, riportando al centro della politica torinese le nostre idee e programmi che sappiamo essere maggioritari nella coscienza dei Torinesi e ora rischiano di non essere più rappresentati>>.

La giunta ombra

L’ istanza presentata

Google+LinkedInEmail
Continua

Google+LinkedInEmail
Continua

GRILLO SHOW CON PATROCINIO ABUSIVO PER SCONTO SU AFFISSIONI, MARRONE (FDI-AN): E QUESTI VORREBBERO GOVERNARE TORINO? SI DEDICHINO PIUTTOSTO AI RITI SQUALLIDI CON I LORO SANTONI!

<<Una furbata illecita per risparmiare abusivamente sui costi di affissione? Se davvero Beppe Grillo si è appropriato abusivamente del patrocinio del Comune di Torino per risparmiare a spese dei cittadini torinesi sulla sponsorizzazione del suo show ci troviamo davanti ad un fatto di una gravità politica inaudita, oltre che un illecito. E questi sarebbero i paladini della legalità che pretendono di governare la città di Torino?>> attacca Maurizio Marrone, Capogruppo di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale in Comune di Torino, che afferma:

<<Cosa ne pensano la candidata Sindaco Appendino e i Parlamentari e Consiglieri Regionali che hanno partecipato in prima fila, prestandosi alla vergognosa e offensiva caricatura della Comunione cristiana a base di grilli essiccati sostituiti alle ostie consacrate? Meglio per loro tornare ai riti squallidi con i loro santoni e guru, la politica e la pubblica amministrazione sono cose serie.

I cittadini devono sapere il livello dell’alternativa rappresentata dai grillini>>.

Google+LinkedInEmail
Continua

AUTORECUPERO CASE POPOLARI, FDI-AN: FOLLA AD ASSEMBLEA PER PARTECIPARE AL BANDO ATC, NECESSARIO SBLOCCARE TUTTI I 400 ALLOGGI DISPONIBILI! PETIZIONE

<<Nel primo giorno del bando Atc che sblocca i primi 40 alloggi popolari assegnabili con l’autorecupero abbiamo convocato una assemblea per assistere le famiglie in emergenza abitativa nella compilazione delle domande: ha risposto una folla che nemmeno la Sala Carpanini di Palazzo Civico riusciva a contenere, a dimostrazione della grande attesa delle migliaia di sfrattati torinesi per le case popolari sbloccate dalla legge che siamo riusciti ad approvare con tante battaglie e manifestazioni! Ma non basta>> spiegano Maurizio Marrone, Capogruppo FDI-AN in Comune di Torino, e Augusta Montaruli, Dirigente Nazionale FDI-AN, che annunciano:

<<Abbiamo avviato una petizione popolare che ieri ha già raccolto centinaia di firme per sbloccare tutte le 400 case popolari che a Torino potrebbero essere assegnate con l’autorecupero e per estendere il bando Atc: al momento possono partecipare solo le famiglie già in graduatoria definitiva, escludendo così quelle sfrattate in questo ultimo anno!

Per salvare i tanti Italiani in emergenza abitativa non servono chiacchiere e propaganda, bensì buon senso e concretezza: a Torino solo noi Fratelli d’Italia stiamo dimostrando di capirlo>>.

Google+LinkedInEmail
Continua

ATTENTATI BRUXELLES, MARRONE-MONTARULI (FDI-AN): JIHAD È ANCHE A TORINO, PER PROSELITISMO E RACCOLTA FONDI. PORTIAMO NOSTRO DOSSIER AD ANTITERRORISMO.

<<Il cordoglio per le vittime di questo ennesimo attentato terroristico nel cuore dell’Europa è doveroso, ma non sufficiente. La jihad islamica ha messo radici anche sotto la Mole: foto e documenti attestano che anche Torino è nelle mire del Califfato, quantomeno per la logistica, la raccolta fondi e il proselitismo. Porteremo tutto al pool antiterrorismo della Procura di Torino>> annunciano Maurizio Marrone, Capogruppo FDI-AN in Comune di Torino, e Augusta Montaruli, Dirigente Nazionale FDI-AN, che spiegano

<<L’anno scorso era stato ospitato a raccogliere fondi nella Moschea Taiba un imam giordano che dalle emittenti di Hamas inneggia al martirio kamikaze dei bambini, eppure i responsabili di quella stessa moschea non mancano a nessun appuntamento istituzionale, invitati addirittura ai momenti di cordoglio per le vittime degli attentati. Torino ed il Nord Ovest compaiono anche nel documento web diffuso dall’Isis “Black flags from Rome”, indicati come corridoio di infiltrazione jihadista in Italia dai paesi europei maggiormente islamizzati come la Francia, la Germania e l’Inghilterra per lucrare sul commercio di armi e droga grazie alla debolezza del Governo. In quello stesso documento sono contenute anche istruzioni per confezionare ordigni, persino autobomba.

Incredibile che le Autorità civili e militari non prendano sul serio simili episodi e minacce, limitandosi ad eventi commemorativi degli attentati che avvengono altrove, quando invece la politica dovrebbe assumersi la responsabilità di garantire la sicurezza nazionale dal terrorismo islamico ormai dilagante>>.

Google+LinkedInEmail
Continua