— Maurizio Marrone

PDL

ATTENTATI BRUXELLES: JIHAD È ANCHE A TORINO, PER PROSELITISMO E RACCOLTA FONDI.

ATTENTATI BRUXELLES, MARRONE-MONTARULI (FDI-AN): JIHAD È ANCHE A TORINO, PER PROSELITISMO E RACCOLTA FONDI. PORTIAMO NOSTRO DOSSIER AD ANTITERRORISMO.

<<Il cordoglio per le vittime di questo ennesimo attentato terroristico nel cuore dell’Europa è doveroso, ma non sufficiente. La jihad islamica ha messo radici anche sotto la Mole: foto e documenti attestano che anche Torino è nelle mire del Califfato, quantomeno per la logistica, la raccolta fondi e il proselitismo. Porteremo tutto al pool antiterrorismo della Procura di Torino>> annunciano Maurizio Marrone, Capogruppo FDI-AN in Comune di Torino, e Augusta Montaruli, Dirigente Nazionale FDI-AN, che spiegano

<<L’anno scorso era stato ospitato a raccogliere fondi nella Moschea Taiba un imam giordano che dalle emittenti di Hamas inneggia al martirio kamikaze dei bambini, eppure i responsabili di quella stessa moschea non mancano a nessun appuntamento istituzionale, invitati addirittura ai momenti di cordoglio per le vittime degli attentati. Torino ed il Nord Ovest compaiono anche nel documento web diffuso dall’Isis “Black flags from Rome”, indicati come corridoio di infiltrazione jihadista in Italia dai paesi europei maggiormente islamizzati come la Francia, la Germania e l’Inghilterra per lucrare sul commercio di armi e droga grazie alla debolezza del Governo. In quello stesso documento sono contenute anche istruzioni per confezionare ordigni, persino autobomba.

Incredibile che le Autorità civili e militari non prendano sul serio simili episodi e minacce, limitandosi ad eventi commemorativi degli attentati che avvengono altrove, quando invece la politica dovrebbe assumersi la responsabilità di garantire la sicurezza nazionale dal terrorismo islamico ormai dilagante>>.

Google+LinkedInEmail