— Maurizio Marrone

PDL

BOLKESTEIN, MARRONE-MONTARULI (FDI-AN): PIEMONTE PRIMA REGIONE ITALIANA A PROPORRE AL PARLAMENTO LEGGE PER SALVARE MERCATI RIONALI DALLA DIRETTIVA U.E.VITTORIA STORICA DI FDI CON CENTRODESTRA UNITO!

<<Mentre il centrodestra a Roma si attarda in manfrine di partito, a Torino vinciamo battaglie storiche, con il salvataggio di un intero tessuto commerciale composto da 1.112 mercati rionali piemontesi, quasi 4.000 partite iva familiari solo nel Capoluogo>> esultano Maurizio Marrone, Consigliere FDI-AN in Regione Piemonte, e Augusta Montaruli, Dirigente Nazionale FDI-AN, che spiegano <<Con la proposta di legge che abbiamo presentato insieme a Lega Nord e Forza Italia, approvata oggi in tempo record in Commissione legislativa, si muove il primo passo concreto verso l’esclusione del commercio ambulante dal decreto legislativo 26 marzo 2010 n. 59 che applica la direttiva Bolkestein in Italia.

Il nuovo regolamento regionale commercio confermava la messa all’asta dei posti all’aperto nei mercati rionali da parte dei comuni a partire dal 2017, come già deciso dalla Conferenza Stato – Regioni, con la certezza di vedere le migliaia di commercianti ambulanti attivi a Torino travolti dalla concorrenza sleale della grande distribuzione sulle offerte economiche: a quelle migliaia di commercianti ambulanti che hanno riempito le piazze in questi anni per protestare contro la direttiva Bolkestein, arrivando al gesto disperato di occupare la Stazione ferroviaria di Porta Susa, un centrodestra compatto e serio risponde con una prima vittoria storica, pur dall’opposizione, su iniziativa di noi Fratelli d’Italia.

Per la prima volta al Governo Renzi arriverà una proposta di salvataggio del commercio ambulante dalla Bolkestein firmato non da un gruppo di opposizione, ma da una Regione governata dal centrosinistra: non potranno dire di no senza perdere la faccia.Il prossimo passo sarà costituire un comitato per sollecitare il Parlamento all’approvazione in tempi rapidi della proposta approvata oggi, con il coinvolgimento di tutti i partiti e delle associazioni di commercianti ambulanti e di consumatori che avranno intenzione di aderire.

Se il tempo medio di approvazione delle leggi di iniziativa regionale alla Camera e al Senato è di 200 giorni circa, mentre le aste Bolkestein sui mercati rionali italiani partiranno nel 2017, allora partiremo con l’iniziativa di scrivere a tutti i parlamentari per approvare la proposta odierna entro il 2016!>>.

Google+LinkedInEmail
Continua

COMITATO ELETTORALE FASSINO SCORTATO DA POLIZIA 24 H SU 24. FDI-AN: FDO SERVONO A CITTADINANZA NON A CAMPAGNE ELETTORALI, VOLANTE PATTUGLI PIUTTOSTO IL QUARTIERE AURORA.

<<Appena inaugurato, il Comitato elettorale Fassino Sindaco ha già ottenuto una scorta fissa di una volante di Polizia ferma 24 ore su 24 a presidiare solo la sede di via Pavia … Accade nel quartiere di Aurora, record per centri sociali antagonisti, spaccio nei punti verdi e degrado urbano, dove i cittadini chiedono da anni una maggiore presenza di pattugliamento delle Forze dell’ Ordine per tutto il territorio e non per sedi elettorali. La volante assegnata al Comitato elettorale di Fassino si aggiunge a quella già presente da mesi a presidiare la sede provinciale del Pd in via Masserano, oggetto in passato di scritte spray esattamente al pari delle sezioni di FDI e altri partiti di centrodestra lasciate però senza alcuna tutela da parte della Questura>> segnalano Patrizia Alessi, Capogruppo FDI-AN in Circoscrizione 7, Augusta Montaruli, Dirigente Nazionale FDI-AN e Maurizio Marrone, Capogruppo FDI-AN in Comune di Torino, che lanciano un appello

<<La pattuglia assegnata al presidio fisso del Comitato elettorale di Fassino sia indirizzata piuttosto al pattugliamento di tutto il quartiere di Aurora! Se il Sindaco non rinuncia a questa scorta elettorale che sottrae forze al presidio del territorio arriveremo al paradosso per cui a Torino la Polizia viene impiegata come servizio di sicurezza per il centrosinistra piuttosto che a tutela di tutta la cittadinanza contro il crimine>>.

Google+LinkedInEmail
Continua

IMMIGRAZIONE, CONTESTATO FASSINO. MARRONE (FDI-AN): PRESENTATI PUNTI PROGRAMMATICI PER DIFENDERE TERRITORIO E WELFARE DALL’INVASIONE.

<<Venerdì 4 marzo, Fassino in Consiglio Regionale ha parlato dei massimi sistemi, ma ancora una volta si è dimenticato di essere Sindaco metropolitano di Torino: non una parola sull’ondata di immigrati imposta a Torino dalla Prefettura senza nemmeno informare i presidenti delle Circoscrizioni o i sindaci dei comuni di Provincia, sull’insostenibilità dei costi di accoglienza a scapito del welfare destinato a tutti, sulla disorganizzazione del sistema di identificazione anche penale dei richiedenti asilo e sulle espulsioni-lumaca dei clandestini>> attacca Maurizio Marrone, Capogruppo FDI-AN in Regione Piemonte e Comune di Torino, promotore della manifestazione tenutasi questa mattina davanti a Palazzo Lascaris durante il Consiglio Regionale aperto sull’Agenda Europea sulla migrazione: un centinaio di sfrattati italiani che hanno improvvisato un simbolico “campo profughi per Italiani” per protestare contro un welfare ormai razzista al contrario.

Aggiunge Marrone <<Oggi abbiamo presentato i punti programmatici di Fratelli d’Italia sull’immigrazione per le elezioni comunali di Torino 2016: parere vincolante delle Circoscrizioni sulla realizzazione di centri profughi nei loro quartieri, esclusione dai programmi di assistenza degli immigrati che delinquono, stop allo SPRAR di Torino e investimento degli 800.000 euro comunali recuperati nel welfare per tutti! Idee chiare a differenza dal M5S che pretende di incarnare l’alternativa al centrosinistra senza esprimersi mai su temi così importanti!>>

Google+LinkedInEmail
Continua

STAFFETTA OLIMPICA DEL DEGRADO, FRATELLI D’ITALIA <<DAL GHETTO DEL MOI LANCIAMO LA SFIDA A FASSINO. CDX SI CHIARISCA LE IDEE, NOI PRONTI A CORRERE!

<<Abbiamo macinato trenta chilometri sotto la pioggia, partendo da San Salvario e percorrendo le periferie nord e sud di Torino, siamo sicuramente pronti a correre>> ironizzano Augusta Montaruli, Dirigente Nazionale FDI-AN, e Maurizio Marrone, Capogruppo FDI-AN in Comune di Torino e in Regione Piemonte, che attaccano dalla tappa conclusiva della contro-staffetta olimpica del degrado nel Villaggio Olimpico ex MOI occupato da mille immigrati
<<Proprio dal cuore del fallimento della gestione post Olimpiadi lanciamo la nostra sfida a Fassino: al MOI il centrosinistra promette il miraggio di residenze per i ricercatori e pazienti della inesistente Città della Salute, mentre condanna il Villaggio Olimpico al raddoppio dell’occupazione e del degrado chiudendo già da aprile le residenze universitarie ancora aperte con il contributo della Regione.
Noi Fratelli d’Italia, pronti da mesi con un progetto concreto di sgombero assistito, dimostriamo di avere il polso dei problemi della Città e le idee giuste per risolverli, tanto da lanciare un messaggio chiaro anche agli alleati del centrodestra, a partire dalla Lega Nord che ci sta facendo perdere altre settimane bloccando l’intesa su Roma: la minaccia di correre da soli non ci spaventa e anche in quell’ipotesi pure noi siamo pronti con chi fino ad ora ha rappresentato l’opposizione a Fassino ma i nomi per una candidatura unitaria e sopratutto l’impegno ci sono già quindi basta indugi. Abbiamo dimostrato in questi anni di essere il motore del centrodestra e la capacità di essere la giusta alternativa per voltare pagina a Torino>>.

Google+LinkedInEmail
Continua

DECENNALE OLIMPIADI: 10.000 EMENDAMENTI DI “OSTRUZIONISMO OLIMPICO” SU DELIBERA ESERCIZIO PROVVISORIO, BLOCCHIAMO LA GIUNTA FASSINO FINO A REVOCA DELL’INACCETTABILE SPRECO DI 350.000 EURO PER FESTA OLIMPICA!

<<Da una parte il Sindaco Fassino limita servizi e welfare alle lacrime e al sangue con la delibera dell’esercizio provvisorio del bilancio comunale e dall’altra spende 350.000 euro di soldi dei torinesi per un evento di soli due giorni di autocelebrazione elettorale dissimulata da decennale olimpico! Una ipocrisia intollerabile che intendiamo bloccare con 10.000 emendamenti di ostruzionismo “olimpico”>> annuncia Maurizio Marrone, Capogruppo di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale in Comune di Torino, che afferma

<<Il Sindaco ci aveva promesso in aula di coprire le spese con sponsor privati, invece ritroviamo in locandina le consuete aziende municipalizzate e fondazioni comunali … Insomma sempre con i soldi dei cittadini.

Sarà guerra in Sala Rossa finché la Giunta Fassino non rinuncerà a questo spreco inaccettabile, revocando la delibera di Giunta e devolvendo i 350.000 alle politiche sociali per i più deboli: lo facciamo per gli anziani lasciati senza assistenza domiciliare, i disabili senza i trasporti pubblici gratuiti, le famiglie sfrattate senza casa popolare!>>.

Google+LinkedInEmail
Continua